2008 09 12 - Casamassima c/o CAP

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

Proseguono a Casamassima le conversazoni di Nello DE PADOVA con Andrea LAGRAVINESE, responsabile di Minima il giornale cittadino.

Dopo aver parlato di Consumo Consapevole e di Autoproduzione, oggi è la volta del tempo di lavoro.

Il titolo dell'incontro lo stesso usato nel libro  "Lavore meno, guadagnare meno, essere più ricchi"

Quì l'articolo di presentazione dell'iniziativa, pubblicato sul numero del 17 Maggio del giornale.

Incontrare Nello DE PADOVA è un piacere. Per la semplicità e la chiarezza con la quale sa parlarti dell'inadeguatezza del PIL (Prodotto Interno Lordo) per la misurazione del nostro benessere e per la passione con la quale prova a diffondere queste e altre sue 'scoperte'.
Dopo averlo fatto nel suo libro “Depiliamoci”, scritto a quattro mani con Roberto Lorusso, di cui abbiamo già parlato un paio di mesi fa (Minima nr. 5 dell'8 marzo 2008) abbiamo ricevuto, in redazione, tante richieste di
approfondimento.
Partendo da questo spunto abbiamo deciso di promuovere una serie di incontri, aperti a tutti, nei quali analizzare più nel dettaglio alcuni dei temi che concorrono alla determinazione del benessere.
“Saranno delle vere e proprie chiaccherate con finalità soprattutto divulgative - conferma Nello. L'auspicio è che questo ciclo di incontri stimoli una riflessione diversa nella cittadinanza e negli organi di governo del paese”.
L'appuntamento è fissato per il primo venerdì di ogni mese a partire dal (il luogo è ancora in via di definizione, seguiteci sul prossimo numero di Minima o su www.minimainformazione.com).
“Cominceremo con il parlare di consumo consapevole e responsabilità sociale del consumatore, della filiera corta e di prodotti a basso impatto ambientale” anticipa l'autore.
Negli incontri successivi si parlerà di autoproduzione, di tempo per la famiglia, di occupazione e di tempo per il lavoro, dell'economia del dono e di tanti altri argomenti sui quali troppo poco ci fermiamo solitamente a riflettere.
L'ingresso è libero e tutta la cittadinanza è invitata a partecipare attivamente.

Informazioni aggiuntive