2011 05 23 Incontro con gli studenti della Scuola media Dante TARANTO

Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 
Nell’ambito del “Progetto Diritti a Scuola”, e perseguendo quelle modalità alternative ed innovative di formazione extradidattiche che lo stesso progetto contempla tra le sue finalità, si realizza un’iniziativa dedicata alla presentazione del libro dePILiamoci.

Qui di seguito il testo con cui l'iniziativa è presentata dall'istituto comprensivo Dante Aleghieri di Taranto presso cui si svolte l'incontro, alla stampa ed al territorio.

Il tema trattato nel libro, è quello relativo alla necessità di passare gradualmente da una cultura e da una società basate esclusivamente sul concetto di PIL (Prodotto Interno Lordo), ad una più virtuosa e sostenibile basata maggiormente su quello di BIL (Benessere Interno Lordo).

Per il raggiungimento di questo obiettivo, il libro individua alcune semplici ma importanti azioni che ognuno di noi può quotidianamente seguire per migliorare la propria vita e quella dell’intera società: rispettare l’ambiente, rispettare i beni comuni, risparmiare le materie prime, dedicare maggior tempo per il bene della famiglia, aumentare il tempo per svolgere il ruolo educativo verso i figli, recuperare vecchie tradizioni, aiutare chi è in difficoltà e tante altre azioni virtuose che una società ormai troppo frenetica ed asettica ha completamente dimenticato.

Attraverso la presentazione di questo interessante libro, dal sarcastico ma sicuramente azzeccato titolo, si vogliono quindi affrontare assieme agli alunni partecipanti al progetto alcuni temi molto importanti relativi all’ambiente e quindi al futuro di queste nuove generazioni che, una Scuola come l’IC Dante Alighieri, accoglie e forma attraverso i suoi percorsi didattici.

In particolare si vogliono affrontare tematiche relative a:

 

  • gli effetti dannosi sulla salute e sull’ambiente derivanti dall’inquinamento e dal depauperamento delle materie prime;

  • l’importanza dell’efficientamento e della riduzione dei consumi energetici;

  • nuovi stili di vita: innovare i comportamenti e recuperare quelli che contrastano la società consumistica;

  • la riduzione dei rifiuti e raccolta differenziata.

 

Attraverso la trattazione di questi argomenti, si vuole discutere dell’importanza di recuperare azioni e propositi volti a rallentare il nostro desiderio sfrenato di possedere e sostituirli con comportamenti che fanno crescere il BIL.

Il fenomeno del consumismo di cui siamo protagonisti, ormai da diversi anni, ci vede tutti impegnati in una corsa senza ostacoli all’avere anziché all’essere, facendoci apparire tutto illimitato e senza fine. Compreso l’ambiente, le risorse naturali e l’energia.

La sfida culturale, che oggi una società prevalentemente consumistica ci impone, deve essere affrontata da ciascuno di noi con maggiore incisività e determinazione, soprattutto se si considerano le generazioni future, le quali rischiano di dovere vivere in una ambiente naturale depredato a causa delle nostre attuali scelte di vita, tutte tese ad un consumo eccessivo e disordinato.

La scuola, luogo educativo per eccellenza, è sicuramente l’ambito giusto dove poter affrontare queste importanti tematiche, cercando di stimolare la partecipazione degli alunni con l’obiettivo di sensibilizzarli in questa giovane fase della loro età.

SCARICA IL MANIFESTO DELL'INIZIATIVA

Ottimo il lavoro preparatorio realizzato dai docenti e dagli allievi in preparazione dell'evento.

Interessantissimo il documentario storico che presenta la realizzazione dell'ITALSIDER come soluzione ai problemi del territorio, distruggendo masserie ed ulivi secolari per far posto a cemento, acciaio e soprattutto inquinamento.

Il documentario è stato preso come spunto dagli allievi che hanno prodotto questo bellissimo video che, 60 anni dopo, rende giustizia a quel modo miope di guardare al futuro.

Visualizza la recensione di JOTV


Guarda il servizio andato in onda su JOTV

 



 


Informazioni aggiuntive