Incontri con gli Autori

Vuoi organizzare un evento con gli autori di DePILiamoci?

Scrivi agli indirizzi che trovi nella sezione CONTATTI per fissare la data e le modalità di realizzazione dell’iniziativa.
Suggerimenti e materiali per organizzare gli incontri con gli autori

 

 

Roberto Lorusso e Nello De Padova sono impegnati in una articolata serie di incontri volti a diffondere la Cultura del Bil.

Gli incontri hanno luogo in Aziende, Enti, Librerie, ecc… e sviluppano ed approfondiscono i temi trattati dal libro e discussi con la comunità su queste pagine.


Nota Bene: La partecipazione degli Autori è garantita a titolo gratuito. E’ peraltro gradito, un versamento volontario al MOVIMENTO PER LA DECRESCITA FELICE, nell'ambito del quale il progetto dePILiamoci si colloca come strumento divulgativo in materia di STILI DI VITA.
SCARICA le indicazioni per il versamento. Talvolta accade comunque che durante gli incontri, anche a fronte della distribuzione di gadget e pubblicazioni varie, vi siano delle offerte volontarie, utili anche a coprire alcune spese sostenute per la realizzazione degli eventi stessi. Dal 2012, con l'intensificarsi degli eventi e delle offerte, si è deciso di rendere del tutto trasparente la gestione economica di tali offerte tramite un documento contabile che viene tenuto costantemente aggiornato.

 

 

Vuoi organizzare un evento con gli autori di DePILiamoci?
Scrivi agli indirizzi che trovi nella sezione CONTATTI per fissare la data e le modalità di realizzazione dell’iniziativa.
Suggerimenti e materiali per organizzare gli incontri con gli autori

 

 

20131019 - Pescara - Incontro del Forum SEL "Sostenibilità Socio Ambientale"

User Rating:  / 0

Il 19 ottobre 2013 Nello De Padova partecipa, nella sede del Consiglio Regionale dell'Abruzzo, ad un incontro pubblico, dal titolo (RI)conversione Ecologica dell'Economia, promosso da alcuni esponenti di SEL (Sinistra Ecologia e Libertà) che da alcuni mesi hanno dato vita ad un gruppo di lavoro nazionale denominato "Forum Sostenibilità Socio-Ambientale SEL".

Scopo dell'incontro, cui partecipano anche Gianni DE CESARE (segretario regionale della CGIL) e Livio MARTINI (vicepresidente dell'associazione Comuni Virtuosi), è quello di avviare un primo confronto circa la possibilità per questa forza politica di di individuare nuovi fondamentali in materia economica che possano superare la logica della crescita infinita della produzione e, quindi, del Prodotto Interno Lordo.

Al tavolo dei relatori, per SEL, sono presenti l'Onorevole Filiberto ZARATTI, il consigliere regionale Franco CARAMANICO e Silvio DE LUTIIS del direttivo provinciale di Chieti. Nel pubblico, non numeroso ma sicuramente ben assortito ed interessato, numerosi esponenti dello stesso partito, dal livello locale fino a quello nazionale.

In questo contesto Nello De Padova, prendendo spunto da quanto riportato da tutti i relatori nei propri interventi, pone l'attenzione su alcuni punti cercando di concentrale l'attenzione sulla necessità di affrontare la lettura della situazione presente e la definizione di possibili strategie con occhi nuovi e menti aperte ad ipotesi sino ad oggi inesplorate o ritenute inesplorabili.

In merito ricorda la necessità di intendersi sulle parole che si usano, poiché nel volgere di pochi anni alcune di esse, spesso molto importanti, sono state stravolte o almeno limitate nel proprio significato.

Una di queste, forse la più interessante nel dibattito in corso è la parola LAVORO. Chiunque in questo periodo pensa a questo termine immaginando tutte e sole le attività svolte a fronte di una retribuzione, ma solo una parte del LAVORO è in effetti attività volta a procurarsi un mezzo (il danaro) necessario per un successivo scambio con delle merci non acquisibili che sul mercato.

Fino a poco tempo fa invece con questo termine si intendeva anche l'insieme delle attività svolte per l'autosoddisfacimento di alcuni propri bisogni: dal prepararsi da mangiare al tenere in ordine la casa al riparare una bicicletta o un elettrodomestico. Fino al curare un orto domestico o all'aver cura dei propri cari

Ma con questo termine ci si riferiva anche all'impegno delle persone in attività di rilevanza sociale: dal fare il catechista all'impegno sindacale o politico oppure il volontario di una associazione di assistenza e cura per ammalati.

Solo recentemente, con la sempre maggiore invasione del mercato in attività non tradizionalmente mercificate piuttosto che con l'introduzione di normative e/o tecniche produttive che di fatto impediscono a ciascuno di far da se e soprattutto di riparare da se, queste attività (senza corresponsione di reddito) sono diventate tanto marginali da lasciare che la parola LAVORO sostituisse quelle che invece è l'OCCUPAZIONE.

Recuperato il senso ampio del termine LAVORO viene quindi la tentazione di chiedersi, finalmente, se non sia possibile tornare ad ampliare il LAVORO umano proprio per sopperire alla impossibilità di aumentare l'OCCUPAZIONE ed anzi di utilizzare proprio questa leva per ridurre la necessità di OCCUPAZIONE (e di reddito) di ciascuno anche allo scopo di lasciare spazio ad INOCCUPATI: insomma l'idea è quella di spingere nella direzione di un Part Time diffuso certo non per chi con un reddito inferiore ai 1000 euro mensili oggi non riesce ad arrivare a fine mese ma per chi guadagnandone ben di più sarebbe ben felice di ridurre il proprio reddito e proporzionalmente il tempo dedicato a procurarsi quel reddito.

Sarà così possibile immaginare che lo scopo di rendere l'economia sostenibile dal punto di vista ambientale non dovrebbe essere quello di creare nuova occupazione (che peraltro probabilmente non sarebbe occupazione creata ma solo spostata da settori “non sostenibili”) ma quello di rendere l'occupazione socialmente sostenibile limitandola a quella veramente necessaria. Riducendo quindi la corsa a produrre per vendere tutto quanto ciò che si può procurare altrimenti. Una sorta di principio di sussidiarietà che invochi il diritto di tutto ciò che non è merce a non diventarlo.

Ad esempio è economia sostenibile e programmazione di investimenti saggia quella che prevede la costruzione di nuovi ospedali? Cioè tutto ciò che serve a fare “sanità”? O forse non è meglio fare seriamente della buona prevenzione (più economica ma anche meno capace di creare occupazione se non addirittura furiera di riduzione dell'occupazione attuale) attraverso la diffusione di una mobilità migliore, di una alimentazione migliore, di stili di vita meno stressanti, ecc.... Cioè di fare investimenti per la “salute” invece che per la “sanità”?

Non è forse vero che se facciamo meno e facciamo meglio generiamo vero ben-essere invece che il tanto-avere che il modello attuale ci propone (o meglio ci impone)?

Idea sostanzialmente affascinante se non fosse che la crescita è necessaria per sostenere il debito pubblico ed il pagamento dei relativi interessi. E qui si introduce tutto un altro tema: siamo sicuri che il debito pubblico sia una cosa saggia? Siamo sicuri che uno stato per sostenere le proprie spese ed i propri investimenti debba ricorrere all'indebitamento. Siamo disponibili a rinunciare a ciò che non si può fare se non indebitandosi o ancora a chiedere con forza che sia la tassazione e solo la tassazione la fonte di tutte le esigenze dello stato?

Del resto la non sostenibilità del debito pubblico sembra oramai essere acclarata se è vero come è vero che la Cina sta pesantemente facendo pressioni sugli Stati Uniti (ci cui possiede gran parte del debito pubblico) affinchè non adotti politiche inflazionistiche che svaluterebbero i titoli di stato americani.

Sembra peraltro non più sostenibile neppure l'ipotesi, anche questa tanto cara alle sinistre, di utilizzare la leva della creazione di occupazione come veicolo di crescita futura. Il che sostanzialmente mette in dubbio l'utilità di usare l'incremento del debito come leva di crescita. E seppur fosse vero che la creazione di occupazione, grazie a politiche di finanziamento di tale creazione tramite incrementi di debito pubblico, di oggi genera crescita domani ci si chiede: a cosa serve tale crescita se non, esclusivamente, a garantire la solvibilità di tale debito e cioè a garantire la possibilità di pagare di creditori gli interessi su tale debito?

Anche l'idea di potenziare gli interventi nel settore della cultura fino a creare una “industria della cultura”, seppur pregevoli poiché finalizzati a far aumentare il livello di conoscenza – consapevolezza diffusa, ha il suo limite fondamentale nel non riconoscere che cultura è “saper suonare uno strumento musicale” molto più che “avere disponibilità di reddito per acquistare i biglietti per un concerto”. In tal senso sicuramente l'idea di sostituire il PIL come indicatore di benessere con il BES recentemente introdotto dall'ISTAT è sicuramente pregevole poiché quest'ultimo, proprio in relazione alla cultura, sostituisce la spesa per produzioni culturali e gli incassi di tali produzioni (due elementi che incrementano il PIL) con la enumerazione delle persone che fruiscono di tale cultura mercificata. Ma, si ribadisce, solo quando si misurerà il tempo dedicato dalle persone a suonare in compagnia uno strumento musicale si avrà un indicatore veramente significativo del benessre di quelle persone. Peccato che attività conviviali di questo genere non fanno aumentare il PIL ma neppure “l'industria della cultura”.

Anche la proposta di incentivare attività a bassa intensità di capitale ed alto contenuto di lavoro, proposta da un altro relatore, sembra discutibile. La tesi (cara in vero anche ad alcuni studiosi di decrescita) infatti penalizza l'ingegno umano che ovviamente è bene sia sempre proteso alla individuazioni di soluzioni (tecnologiche e quindi in linea di principio ad altro contenuto di capitale) che aumentano sempre la produttività. La questione non è quella di tener bassa la produttività per tenere la gente occupata per molte ore al giorno ma di utilizzare la continua crescita della produttività per, a parità di produzione, liberare la gente dal tempo di lavoro.

Ed in questa logica vanno considerate tutte le iniziative tese al risparmi energetico, alla produzione energetica di piccola scala, alle ristrutturazioni efficentanti, agli interventi a tutela del territorio, a quelli per la gestione ottimale dei rifiuti e dei reflui: non occasione per aumentare l'occupazione a lungo termine ma soluzioni ponte verso una società a bassissima intensità di lavoro: in cui piccola comunità è autosufficiente energeticamente, non produce rifiuti, si prende cura continuamente e preventivamente del proprio territorio, ecc.... e quindi non necessita di lavorare per guadagnare soldi per pagare bollette o personale pubblico o parapubblico che si occupa dei rifiuti o di intervenire a risolvere i guasti generati da una distratta gestione del territorio.

In questo senso è il caso di comprendere esattamente cosa si intende quando si dice che “si può valorizzare la montagna e le sue comunità ancora tanto solide in Abruzzo”, perchè il termine VALORIZZARE cioè VALORE come già si è detto del LAVORO è un termine che è stato preso in ostaggio dalla logica mercantile: ed allora si immaginano forse borghi montani i cui abitanti si trasformano in frenetici gestori di Bed & Breakfast? Oppure borghi di cui si torna ad apprezzare il lento scorrere del tempo ricco di emozioni e serenità molto più che di soldi?

Durante l'incontro vien fuori con forza il tema della redistribuzione; la domanda a questo proposito è: è disponibile il sindacato e la sinistra italiana a dire chiaramente a Marchionne che afferma di riuscire a pagare gli stipendi a Pomigliano con gli utili delle fabbriche polacche “no grazie, preferiamo che Pomigliano sia chiusa e che la ricchezza prodotta in Polonia rimanga ai lavoratori polacchi!!!”. Si perchè la redistribuzione e la rilocalizzazione della ricchezza va di pari passo con quella del lavoro in un auspicabile mondo della post-crescita e dell'economia stazionaria.

L'intervento di Nello De Padova si conclude con un ultimo chiarimento terminologico teso a fare chiara distinzione fra il termine DECRESCITA ed il termine RECESSIONE, visto che durante il dibattito qualcuno ha denominato l'attuale situazione (di recessione appunto) come “decrescita infelice”. Per fare ciò ripropone un esempio figurato coniato da Maurizio Pallante: La RECESSIONE è la situazione di un obeso che vorrebbe continuare il proprio stile di vita e di alimentazione ma al quale viene impedito continuare a mangiare male e tanto, la DECRESCITA è la situazione di un obeso che decide scientemente di mangiare meno e meglio.

Register to read more...

20130728 Molfetta - Lido Villaggio Nettuno - Buenvivir: la differenza fra BenEssere e TantoAvere

User Rating:  / 0
Il 28 Luglio nella splendida cornice del Villaggio Lido Nettuno di Molfetta si svolge un interessante dibattito in cui Nello De Padova e Nicola Pertuso si confrontano con i frequentatori del lido per comprendere la differenza che esiste fra il TantoAvere dell'era consumistica che non appaga mai i desideri, specie in tempo di crisi economica, ed il BenEssere proposto da chi distingue fra Decrescita Felice e Recessione.

Nello De Padova propone la metafora dell'obeso (coniata da Maurizio Pallante) distinguendo quello che sceglie di mettersi a dieta per stare meglio (decrescita felice) da quello che è costretto a non mangiare perchè non ne ha più la possibilità (recessione).

Il confronto con l'imprenditore illuminato (Nicola Pertuso) rende più agevole la presentazione della proposta della Decrescita Felice. L'esempio della struttura che ospita l'evento è lampante. Un lido, sicuramente luogo di svago e divertimento, dove però la musica è dal vivo e dove il bar è realizzato con materiali di riuso, spesso portati dal mare. Ma ancora le attività per i bambini prevedono la cura di un orto, i cui prodotti finiscono nella pizzeria del lido stesso.
Esempio di un modo di fare impresa, di fare economia, in cui il valore generato va ben oltre il profitto dell'imprenditore e la retribuzione dei lavoratori, ma si estrinseca nel coinvolgimento dei clienti in una riflessione globale ed in una convivialità che si percepisce immediatamente ma che è il risultato di scelte esplicite dell'imprenditore (e dei suoi collaboratori, non a caso scelti con competenze e sensibilità ambientaliste) quali quella di predisporre una zona dedicata al consumo dei pasti portati da casa dai clienti (pur in presenza di un ristorante che ovviamente avrà meno clienti proprio per la possibilità dei clienti di organizzarsi autonomamente per il pasto).
E' in questo luogo che si crea il vero valore sociale dell'impresa: la convivialità del pasto, lo scambiarsi le esperienze di cucina e i risultati di tali esperienze, creano una comunità che nel tempo si consolida e condivide idee e momenti culturali come quello di cui si tratta qui.

Sembra un suicidio per l'imprenditore, ed invece è il valore (non mercantile) aggiunto che fa si che la clientela selezionata ed affezionata non rinunci a questo BuenVivir neanche in periodo di crisi, scegliendo semmai di rinunciare al nuovo (inutile e superfluo) telefonino ma non al piacere di stare assieme.

Non è un caso che la elaborazione dei questionari distribuiti all'inizio dell'incontro per attivare la riflessione ed il confronto evidenzi come i partecipanti vivono alla ricerca del BIL e non del PIL.

Leggi i commenti anche sull'evento Facebook

Register to read more...

20130615 - GIOVINAZZO Convegno Missionario - Casa per Ferie Don Camillo - Seminario Cappuccini

User Rating:  / 0
Nello De Padova partecipa al Convegno Missoniario organizzato da Fra Antonio Imparato, responsabile del Seminario Cappuccino di Giovinazzo (BA).

Scarica la Locandina

L'intervento di Nello De Padova si articola articola in due sessioni separate:

una introduzione alla decrescita ed un'approfondimento sul rapporto fra decrescita e paesi impoveriti.

Register to read more...

20130531 - ANDRIA - Associazione Filomondo - Learning Coffee - Mobilità Sostenibile

User Rating:  / 0

Il 31 maggio, dalle ore 17 presso la sala convegni del Chiostro San Francesco di Andria, Nello De Padova è al centro di un incontro in materia di mobilità sostenibile dal titolo “Una città senza auto, che si muove di più”.

L’incontro è animato dall’associazione Learning Cities in collaborazione con l’Associazione Filomondo.

 

nello-de-padova-ad-andria-per-l-incontro-sulla-mobilita-sostenibile

La finalità principale dell'associazione Learning Cities nell'organizzare questo tipo di incontri è quella di coinvolgere direttamente amministrazioni, singoli cittadini, associazioni e altri stakeholder sul tema in questione, attraverso modalità partecipative che permettano l’apprendimento tra pari, che si concretizza in azioni e proposte collettive sulle tematiche della mobilità, dell’ambiente e dell’urbanistica, declinate secondo principi della sostenibilità ambientale, sociale ed economica, che suscitando riflessioni, riescano a promuovere l’impegno di amministratori, cittadini verso la co-progettazione di servizi ed iniziative volte a soddisfare il bisogno di mobilità sostenibile e l’attrattività alternativa dei territori coinvolti.

slow-mob-ad-Andria-organizzato-da-learning-cities

E proprio allo scopo di aumentare l'impatto sul territorio ed il livello di coinvolgimento dei cittadini che gli organizzatori hanno scelto di realizzare, prima dell'incontro, uno slow mob cpn le macchinine dePILiamoci.

Tra gli altri partecipanti, era presente all’incontro anche l’Assessore all’Ambiente della Città di Andria, Francesco Lotito.

Francesco-Lotito


La campagna dePILiamoci ringrazia in particolare Videoandria.com per la realizzazione delle riprese dell'intera manifestazione e per il bell'articolo pubblicato

Register to read more...

20130518-25 - CASTELLANETA - Scuola Media GIOVINAZZI - CEEAUNIBA - Incontri sulla riduzione rifiuti

User Rating:  / 0
Il 18 e 25 Maggio 2013, in qualità di membro del Centro di Esperienza in Educazione Ambientale dell'Uninversità "Aldo Moro" di Bari, ed in particolare nell'ambito del programma annuale di sensibilizzazione in Educazione Ambientale della provincia di Taranto, promosso dal CREA Puglia e realizzato da tutti i soggetti accreditati al CREA operanti nella Provincia di Taranto, Nello De Padova incontra la classe 1A della scuola media "GIOVINAZZI" dell'Istituto Comprensivo Pascoli-Giovinazzi di Castellaneta.

Obiettivo degli incontri è quello di sensibilizzare gli studenti (ma anche gli insegnanti e le famiglie) sulla necessità di (o forse sarebbe meglio dire sulla opportunità e sui vantaggi derivanti dall'obiettivo di) ridurre la produzione di rifiuti da destinare alle discariche ed agli inceneritori.

Il programma di realizzazione di questi incontri, già progettato, sperimentato e perfezionato nel tempo in analoghe occasioni, prevede una prima sessione teorica in cui i partecipanti riflettono e discutono attivamente sul concetto stesso di rifiuto, sulla sua storia e sul come sia mutato nel tempo il modo di gestire i rifiuti nelle società umane. Sessione che si conclude con l'analisi di alcuni comportamenti attuali che potrebbero essere utilmente modificati per raggiungere l'obiettivo della riduzione dei rifiuti. Per la realizzazione di queste attività sono stati predisposti appositi materiali didattici che vengono utilizzati e personalizzati dagli stessi allievi durante l'incontro.


La seconda giornata è dedicata invece ad una attività più operativa: la costruzione di una compostiera di classe che, avviata con i residui della preparazione di una merenda conviviale realizzata dagli alunni con i relativi genitori (invitati a collaborare a tutto il percorso tramite una lettera appositamente predisposta), verrà poi curata dagli alunni stessi in una sana competizione costruttiva fra le due classi coinvolte. La compostiera è corredata da un apposito cartello informativo utile a trasmettere anche ad altri allievi della scuola, insegnanti, personale non docente e familiari informazioni sul corretto utilizzo della stessa.

Le due giornate sono arricchite da altre attività ludiche utili a supportare una riflessione ed una maggiore consapevolezza sulla opportunità di privilegiare prodotti agroalimentari freschi, stagionali e locali, e si concludono con la consegna alla scuola di alcuni pannelli illustrativi delle azioni da intraprendere per modificare i propri stili di vita nella direzione condivisa durante gli inconti.

Si coglie l'occasione per ringraziare il Preside Alessandro CALABRESSE, la vicaria -prof.ssa Francesca POLICARPO, le professoresse Carmela PROCINO e Maria Stella SASSO e tutto i personale della scuola per la collaborazione prestata alla riuscita dell'iniziativa.

Register to read more...

Additional information